Alla larga dai falsi medici!

abuso professione

Numerosi sono i casi di cronaca in cui, professionisti d’altra natura (non medica di certo), con audacia inaudita, sfidano la legge e gli effetti collaterali (che solo il medico è in grado di gestire) improvvisandosi maghi delle “punturine”, dai filler al botox, dalle “vitamine”, fino a elettromedicali di assoluta competenza medica, come gli apparecchi laser.

E quindi come fare a non cadere nella trappola del falso medico?

1) Innanzitutto la cosa più importante è accertarsi che il professionista che ci ha valutati durante il primo appuntamento sia davvero un medico. Il primo accertamento lo possiamo fare online tramite il sito internet della FNOMCEO, la federazione nazionale degli ordini dei medici: qui è possibile, tramite l’inserimento di alcuni dati (anche solo il cognome del professionista), venire a conoscenza di alcune informazioni personali di QUALSIASI medico operante sul territorio italiano: data di laurea, data di nascita e data di abilitazione alla professione sono solo alcuni degli elementi disponibili. ATTENZIONE: se i dati inseriti sono corretti, ma il nominativo del medico non compare, siete di fronte ad un vero e proprio truffatore, il personaggio che avete incontrato NON è un medico. Il corretto nominativo del medico potete controllarlo su biglietti da visita, carta intestata ed altri elementi informativi che un medico abilitato ha tutto l’interesse di diffondere (al contrario un falso medico potrebbe omettere di rilasciarvi traccia del suo nominativo). Qui sotto il link all’anagrafica dei medici italiani:

http://application.fnomceo.it/Fnomceo/public/ricer…

2) Durante il primo colloquio fate più domande possibili relativamente al trattamento che vi è stato proposto, un medico generalmente è molto preciso e professionale nell’esporre indicazioni, controindicazioni, ed effetti collaterali, diffidate sempre di chiunque vi faccia passare anche il più semplice atto medico, come privo di effetti collaterali. Potrete inoltre avere un’idea indicativa del grado di preparazione del professionista che avete di fronte.

3) Assicuratevi di recarvi in un centro medico, e non in un centro estetico, o in un altro tipo di studio, per legge il medico può esercitare la sua attività solo in ambulatori o studi medici (generalmente questo tipo di indicazioni sono indicate all’esterno del locale, o sul sito internet/pagina Facebook del professionista): un falso medico ha tutto l’interesse ad evitare di specificare se il centro presso cui opera è autorizzato ad attività medicale, ed eviterà quindi termini quali “studio medico”, “ambulatorio” o “centro medico”.

4) I medici sono tra i professionisti che devono maggiormente continuare ad aggiornarsi, e, solitamente, hanno tutto l’interesse (nota bene: non l’obbligo) ad esporre sulle pareti dei loro studi diplomi e certificati di partecipazione a congressi o corsi di formazione, oltre che ovviamente laurea e diplomi di specializzazione vari. ATTENZIONE: molti medici visitano in più studi, e ovviamente non possono trasferire ogni volta i loro diplomi, quindi questo consiglio è da riservarsi allo studio principale del medico oppure a quei professionisti che lavorano in un unica sede.

5) Affidatevi sempre a professionisti consigliati da qualche amico, o possibilmente referenziati; un valido aiuto è offerto dal portale guidaestetica.it che ci da’ la possibilità, ancor prima di incontrare il professionista, di conoscere il suo nominativo, il centro presso cui opera, le sue specializzazioni, le fotografie dei risultati ottenuti dai suoi pazienti e molto altro.

Ora non avete più scuse, non fatevi truffare.

A cura del Dr Luca Mazelli

WhatsApp Chatta con noi